Kai coltelli, opinioni sui coltelli da chef giapponesi.

Origine coltelli Kai

Con oltre 100 anni di storia alle spalle, I coltelli Kai si caratterizzano oggi per essere gli strumenti da cucina che meglio esprimono il perfetto bilanciamento tra modernità ed efficienza produttiva e tradizione classica asiatica.

Oggi il marchio di coltelli Kai è basato a Tokyo località dalla quale esporta non solo i diversi coltelli da cucina, ma sopratutto la cultura per le lame tipica di questo paese.

Caratteristiche dei coltelli giapponesi Kai

Tra gli aspetti più interessanti che riguardano il mondo dei coltelli Kai, c’è da sottolineare come nonostante questi coltelli giapponesi, mantengono i propri caratteri tipicamente asiatici, per alcuni aspetti di tipo più tecnico, al fine di adeguare i diversi prodotti al mercato occidentale, alcune linee si prestano maggiormente alle abitudini degli chef occidentali.

Si fa in particolare riferimento a quelle linee di coltelli giapponesi che non si presentano ad esempio con un affilatura da un solo lato. Secondo la tradizione giapponese classica infatti, per consentire un perfetto taglio del alimento, il coltello deve essere affilato solo da un lato. Tale caratteristica porta necessariamente l’azienda produttrice a realizzare coltelli sia per mancini che per destri, a seconda dell’affilatura applicata sul coltello.

Nel caso di specie pero non tutti i coltelli Kai presetano questa caratteristica, che al contrario va ricercata nelle linee più tradizionali prodotte dal marchio stesso.

Ciò che invece è stata di fatto interamente importato, ed oggi è divenuto parte integrante della cultura occidentale, sono le forme dei diversi coltelli giapponesi Kai.

Come è noto infatti oggi le tipiche forme in uso ai coltelli giapponesi, come ad esempio il Santoku o il Nakiri ad esempio, sono ampiamente diffuse anche nel mondo occidentale e nel passaggio di transizione che ha favorito questo processo di integrazione ovviamente un ruolo è stato giocato anche dal marchio di coltelli Kai, che fu tra i primi marchi di coltelli giapponesi ad importare i diversi modelli e le diverse forme.

La loro diffusione oggi è tale che anche le più note case di coltelleria da cucina europee inseriscono tra le loro produzioni coltelli alle tipiche forme giapponesi come il santoku o il nakiri.

Quali sono le linee più diffuse del marchio Kai?

Entrando più nello specifico, sicuramente tra le linee che tutt’oggi riscuotono un fortissimo successo nel mercato occidentale, si segnalano la linea di coltelli Kai Shun Classic e la linea KAI Shun Premier Tim Mälzer.

La KAI Shun Premier Tim Mälzer in particolare è forse tra la più ambita tra gli chef specializzati. Eccezionalmente decorata con l’effetto Tsuchime (Effetto martellato) Questi coltelli godono contemporaneamente di un eccezionale acciaio damascato a 32 strati nella parte più vicina al filo e di un caratteristico effetto Tsuchime nella parte superiore.

Anche il manico realizzato in pregiato legno trattato finemente decorato, dona un idea di completezza ed equilibrio, adattandosi perfettamente ai colori dell’acciaio. Nella parte posteriore infine si osserva il logo della linea, mentre il marchio Kai è impresso nella parte superiore della lama in ideogrammi giapponesi.

Tra le serie economiche di forte successo ovviamente si segnala la linea Kai Kasabi black, dalla nitidezza senza pari per la categorie di cui fa part.

Anche in questa linea peraltro è possibile ammirare come il logo dei coltelli Kai sia impresso in ideogrammi nella parte superiore della lama.

In conclusione perché scegliere di acquistare i coltelli Kai ?

Ad oggi, il marchio di coltelli Kai, offre la maggior parte delle varietà di coltelli giapponesi in commercio.

Tra gli aspetti che sicuramente premiano di più questo marchio vi è il prezzo che appare decisamente contenuto considerato che tutti gli articoli anche la linea Wasabi è realizzata in Giappone.

Scegliere un coltello da cucina Kai, significa scegliere l’efficienza e la tradizione giapponese, senza compromessi e questo è probabilmente uno degli aspetti che ha contribuito ad ampliare il loro successo nel mondo.

Precedente Sanelli tra i migliori coltelli da cucina made in Italy. Successivo Coltelli Zwilling, perché sceglierli?